Mostro: "Faccio una Trap che risulti credibile" | Pareri e Punti di Vista


Il mio ultimo disco rap "Ogni Maledetto Giorno" è un viaggio all'inferno, dove però ne entri e ne esci. E' la mia rivincita, il mio stile, è tutto. C'è la mia vita in questo album rap.

Sono maturato, soprattutto come persona e di conseguenza come artista, quindi credo di aver scritto un bel disco rap.



Sono passati anni dal tuo ultimo album "The Illest", il rap è cambiato molto. Tu sei nella scena da tanti anni, come lo vedi questo cambiamento del rap e questa esplosione della trap?


Cambiamento per me significa evoluzione, quindi è sempre una cosa positiva. 
Io sono fan della musica trap, sono fan del rap e di conseguenza qualsiasi novità che viene apportata, noi siamo super favorevoli, anzi, sto lì a capire perchè una cosa è f*ga e perchè no, anche se non mi piace comunque mi chiedo perchè sta andando quella cosa.

Per quanto riguarda il discorso della musica trap, noi ci siamo anche avvicinati a quel mondo, a quelle ritmiche, però anzichè diventare altra gente che faceva trap senza risultare credibili, abbiamo preso quello che ci piaceva della trap e l'abbiamo fatto nostro.


C'è una traccia rap di "Ogni Maledetto Giorno" in cui hai avuto difficoltà a scrivere?

I brani più difficili da scrivere sono stati quei brani rap dove rallenta un po' il tiro, diventano effettivamente dei brani più soft e più introspettivi, quindi sono "E Fumo Ancora" in cui parlo di determinate cose che mi sono successe durante questi anni, o "Sabato Sera" che invece è un brano molto triste. 

E' stato difficile per me calarmi all'interno delle emozioni perchè era un periodo in cui ero molto chiuso, quindi questi forse sono stati i brani più difficili perchè ho dovuto aumentare la mia sensibilità.